BOE OCEANICHE

magnetic_shaft.jpg

Riconosciuti come leader nazionali dell’energia del moto ondoso del mare, von Jouanne e Wallace hanno sviluppato diverse boe oceaniche in grado di convertire la potenza delle onde oceaniche in energia elettrica. La costa vicino a Reedsport è stata identificata come il sito ottimale per la creazione di un sito di sviluppo per la creazione di energia dalle onde. L’energia potenziale ricavabile è sufficiente per coprire circa il 20 per cento della necessità totale di energia elettrica dello stato (secondo von Jouanne e Wallace). Con il corretto posizionamento delle boe e la corretta pianificazione delle attività, la conversione dell’energia delle onde in energia elettrica potrebbe essere uno dei sistemi con impatto ambientale più basso per la generazione di energia elettrica. “La densità dell’energia in acqua è molto più elevato di quello nell’aria. Siamo quidni in grado di ottenere più potenza con meno spazio, e siamo in grado di sapere in una finestra di 10 ore quell’è la nostra capacità produttiva rispondendo all’effittivo bisogno”. Ill sito di boe sarà neutrale e galleggiante in acqua. Sarà quasi impossibile da terra vederlo ad occhio nudo. Il team di ricerca immagina una serie di boe, o un “onda parco (wave park)”, collocati all’interno di una sezione delimitata al largo ancora da determinare esattamente in dimensione. Si stima che 10 miglia quadrate potrebbe portare potenza sufficiente per coprire l’intero stato dell’Oregon. “La chiave è la creazione di un sistema affidabile ed efficiente, in grado di sopravvivere in mare”, dice von Jouanne, “Il mare è molto distruttivo, ma siamo a buon punto e riteniamo che la boe possa essere fabbricata facilmente per sopravvivere all’ambiente in oggetto”. Reedsport, Oregon ha già gran parte delle infrastrutture necessarie per un impianto di energia del moto ondoso intatto. 
Wallace aggiunge che lo sviluppo di energia del moto ondoso è attualmente 15-20 anni indietro rispetto alll’energia eolica, una tecnologia che deve solo raggiungere il suo rendimento ottimale. Egli afferma che, proprio come è accaduto per l’energia eolica, i costi degli impianti saranno abbattuti nel tempo dalla competitività aziendale che affinirà i processi e il mercato rendendo i costi sempre più bassi. Attualmente, vi sono sistemi ad onda operativi in Europa ma la tecnologia è diversa rispetto a quella che si sta sviluppando in amrica presso OSU.
“Questa è una ricerca rivoluzionaria che può essere di enorme valore per la società, ed è sorprendente scoprire quante persone desiderano essere coinvolte”, dice Wallace. 

(Fonte: Wave Park – Oregon University)

BOE OCEANICHEultima modifica: 2011-02-12T15:44:25+01:00da r-maxim
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “BOE OCEANICHE

Lascia un commento